Home

 

PARCO ARCHEOLOGICO DI ROSELLE, 1 Luglio ore 19

“IO QUESTA STORIA GLIELA RACCONTO…” reading musicale

Un lavoro dedicato all’impegno di Luciano Bianciardi nei confronti del mondo del lavoro: le miniere, le condizioni di lavoro dei minatori, i paradossi del potere. Attraverso gli scritti raccolti in “I Minatori della Maremma” di Bianciardi-Cassola e ne “La nascita dei Minatori della Maremma” a cura di Velio Abati, si ripercorre il lavoro di minuziosa indagine e denuncia dell’autore e degli autori, che nella descrizione della tragedia di Ribolla de “La vita agra”, trova il suo più poetico e tragico epilogo.                                 Nella lettura, a tratti drammatizzata per restituire colore agli eventi, trova spazio anche un’altra voce, una tra le tante, quella di Morbello Vergari, che ha saputo rendere in pochi versi, l’amore-odio che lega l’uomo al suo lavoro.                                

Interpreti:

Luca Pierini, Enrica Pistolesi, Daniela Marretti, Massimo Pallini (chitarra elettrica)                        regia: Daniela Marretti

INGRESSO GRATUITO

laboratorio teatrale

DIMOSTRAZIONE DI LAVORO LABORATORIO ADULTI                                 3 LUGLIO 2016 ORE 19.30    TEATRO STUDIO/SPAZIO72                  via Ugo Bassi, 72 Grosseto

“ANTON”  

quattro pièces da  Anton Cechov 

Adattamenti teatrali da quattro racconti

Elaborazione dei testi e regia:

Mario Fraschetti

Enrica Pistolesi

 

TEATRO FONDERIA                    

LEOPOLDA

Follonica (Gr)     

30 GIUGNO ORE 21.00

“CALDERON” 

da Pier Paolo Pasolini

Teatro ai margini

Gattopicchio, Teatro Studio, Suonatori della Boscaglia, Aire Flamenco

regia, Enrica Pistolesi

regia dei movimenti, Laura Scudella

adattamento del testo, Cinzia Canneri

Nel Calderòn di Pasolini si smaterializza l’utopia e si conclama l’impossibilità di svincolarsi dalla propria condizione sociale – umana ed esistenziale aggiungiamo – che ci imprigiona in dogmi, tabù, convenzioni, manipolazioni di ogni genere, in grado di condizionare, modificare, interdire il nostro essere ed agire.

L’incontro tra realtà umane ed artistiche, nel laboratorio di questo allestimento, ormai alla sua terza edizione, è la prova che al di là di ogni amarezza e di ogni saggiaconsiderazione – quella di Pasolini, valida oggi come ieri – esiste uno spazio, una piega, una fessura, dove l’incontro avviene e la convenzione salta, con le sue regole e la sua cecità.

Questo spettacolo, questo reiterarsi di un incontro, ne sono la prova.

 

 

 

 

migranti spettacolo teatrale erri de luca FORTEZZA SPAGNOLA                            

Porto Santo Stefano (Gr)

15 LUGLIO ORE 18.00

“MIGRAZIONI”

Storie di donne, uomini e destini

da Euripide, Eschilo, Erri de Luca

Interpreti:

Daniela Marretti, Luca Pierini, Enrica Pistolesi, Irene Paoletti, Mirio Tozzini, Cosimo Postiglione

Musiche, clarinetto e voce: Francesco Melani

Scrittura scenica:
Daniela Marretti

Regia: Mario Fraschetti

 

Mare, mezzo e culla per andare,
storie di genti che cercano
oltre le onde
la schiuma di una nuova vita,
e tra le onde viaggiano
e a volte giacciono…

Mare, viaggi, rotte, arrivi e partenze: storie antiche ed echi di cronaca per non dimenticare le vittime della migrazione clandestina. Cosa a volte si celi dietro a queste vite e a questo andare, lo lasciamo trapelare dai racconti di guerre, marinai e regine:

racconti senza tempo, che presi in brevi attimi, risuonano al presente.

La performance si sviluppa secondo uno schema non convenzionale e rinuncia alla struttura drammaturgica, servendosene soltanto sottotraccia.
Sei attori, tre donne e tre uomini, un musicista, una guida, “viaggiano” lo spazio di rappresentazione insieme al pubblico e raccontano, ognuno la propria storia. Un capitano di vascello che accoglie clandestini; Clitemnestra e Ifigenia sacrificata alle vele della flotta Achea; Ecuba, la guerra, i lutti e la schiavitù oltre il suo mare; Elena, la vittima contesa; Ionà, che si si offre alle onde per placarle; Medea straniera e reietta nella patria del marito; Polidoro, illacrimato, insepolto tra gli insepolti.

Il pubblico fruirà della performance, spostandosi a seconda dell’azione scenica.

INGRESSO GRATUITO